2012
28-11-2012
Assemblea nazionale ANTOI - 15 DICEMBRE 2012 a BOLOGNA

Assemblea Nazionale ANTOI
SABATO 15 SETTEMBRE 2012 ALLE ORE 10.30
presso la sede ANTOI
Via Rimini, 7 a Bologna

Programma:

  • Verifica dei presenti e delle deleghe
  • Presentazione del regolamento approvato dal CDN
  • Discussione con i presenti
  • Accordo di programma con le associazioni imprenditoriali
  • Programma corsi 2013
  • Situazione albo di categoria
  • Votazioni e deliberazioni
  • Conclusioni
Dettaglio
20-11-2012
Rapporto Tdm-Cittadinanzattiva sulla qualità dei servizi sanitari

Sempre più tagli, sempre più ostacoli nella “gara” che i cittadini sostengono ogni giorno per assicurarsi le cure cui avrebbero diritto da parte di un Ssn sempre più blindato e “asociale”.
A bollarlo così è il XV Rapporto Pit Salute del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva: l’istantanea annuale scattata dagli occhi degli utenti, basata quest’anno sulle 26.470 segnalazioni gestite nel 2011 dalle sedi centrali e periferiche del Tdm, realizzata con il contributo non condizionato di Novartis. A spiccare nel Rapporto - presentato giovedì scorso al ministero della Salute - è proprio la sensazione di tangibile distacco dello Stato sociale dalle sue “creature”.

Dettaglio
19-11-2012
Anteprima: riforma degli Ordini, la proposta della Fnomceo prevede anche l’Albo per i tecnici ortopedici

Se ne parla dagli anni Sessanta e ora il «sogno» di 340mila medici potrebbe essere a portata di mano. La riforma della legge istitutiva degli Ordini – legge 233 del 1946 che riproduceva pedissequamente la cosiddetta "legge Giolitti", la 455 del 1910 - potrebbe finalmente andare in porto con l'approvazione, grazie all'assegnazione in sede deliberante al Senato, del Ddl omnibus sulle sperimentazioni cliniche (AS 2935).
La riforma degli Ordini era già inserita in quel disegno di legge, come delega al Governo da affidare a una serie di provvedimenti attuativi. Ora, con il passaggio di status a dispositivo di legge, la Fnom mette mano di corsa all'intero impianto dell'articolo 7 che la riguarda: un Consiglio nazionale straordinario – reso urgente dalla prospettiva che già a metà mese la legge passi - ha dato ampia delega (11 gli astenuti) al presidente Amedeo Bianco a proporre agli uffici legislativi del ministero della Salute un nuovo testo.
Tra i punti salienti del provvedimento - molto voluto dalla presidenza cui però non sono state risparmiate critiche di merito e di metodo - la revisione del procedimento disciplinare: il nuovo articolo 7 introduce la separazione della funzione istruttoria da quella giudicante.
L'istruttoria viene assegnata a un Collegio esterno, composto da un numero «tra 5 e 11 iscritti sorteggiati tra i componenti delle Commissioni disciplinari garantendo la rappresentanza degli Ordini», che illustrerà poi «all'organo giudicante gli atti e le motivazioni per il proscioglimento o per l'attivazione del procedimento disciplinare». Spetterà quindi all'Ordine giudicare l'iscritto.

Dettaglio
19-11-2012
Anteprima: riforma degli Ordini, la proposta della Fnomceo prevede anche l’Albo per i tecnici ortopedici

Se ne parla dagli anni Sessanta e ora il «sogno» di 340mila medici potrebbe essere a portata di mano. La riforma della legge istitutiva degli Ordini – legge 233 del 1946 che riproduceva pedissequamente la cosiddetta "legge Giolitti", la 455 del 1910 - potrebbe finalmente andare in porto con l'approvazione, grazie all'assegnazione in sede deliberante al Senato, del Ddl omnibus sulle sperimentazioni cliniche (AS 2935).
La riforma degli Ordini era già inserita in quel disegno di legge, come delega al Governo da affidare a una serie di provvedimenti attuativi. Ora, con il passaggio di status a dispositivo di legge, la Fnom mette mano di corsa all'intero impianto dell'articolo 7 che la riguarda: un Consiglio nazionale straordinario – reso urgente dalla prospettiva che già a metà mese la legge passi - ha dato ampia delega (11 gli astenuti) al presidente Amedeo Bianco a proporre agli uffici legislativi del ministero della Salute un nuovo testo.

Dettaglio
12-11-2012
Interrogazione al Senato relativa alla situazione di crisi in cui versa il comparto ortoprotesico

Senato della Repubblica – 89 – XVI LEGISLATURA 823ª Seduta Assemblea - Allegato B 29 ottobre 2012

Senatrice CARLINO – Ai Ministri della Salute e dello sviluppo economico

Premesso che:
secondo quanto emerso dall’indagine dell’Istat sulle condizioni di salute e il ricorso ai servizi sanitari nel 2004-2005, in Italia le persone con disabilità  sono circa 2.600.000; in base alle stime raccolte dall’Istat nel volume dal titolo «La disabilità  in Italia: il quadro della statistica ufficiale», pubblicato il 13 maggio  2010 e riferito agli anni 2004-2005, circa 700.000 persone di 6 anni e più (pari all’1,3 per cento delle persone di 6 anni e piu`) presentano delle difficoltà  nel movimento, ossia dichiarano limitazioni motorie; considerato che la Rizzoli Ortopedia SpA, una azienda di grande tradizione che ha fatto scuola in tutto il mondo nel settore della realizzazione delle protesi ortopediche, divenuta nel 1984, a seguito della scissione dagli Istituti Ortopedici Rizzoli, una società  per azioni, anzichè essere riconosciuta come patrimonio industriale da tutelare, è stata costretta in data 1º ottobre 2012 a depositare la domanda di concordato preventivo presso il Tribunale di Bologna, a testimonianza della gravissima crisi che sta colpendo il settore ortoprotesico italiano;

Dettaglio
30-10-2012
Disabili, Italia tra gli ultimi come protezione sociale Censis: nel modello italiano molte responsabilità gravano sulle famiglie

18 ottobre 2012 - Italia tra gli ultimi Stati in Europa per risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilità. Lo attesta una ricerca realizzata dal Censis (promossa dalla Fondazione Cesare Serono) sui bisogni ignorati delle persone portatrici di handicap, basata sul confronto con gli altri Paesi europei dell’offerta di servizi per cronici e disabili da parte della sanità italiana.
In Italia si spendono 438 euro pro-capite annui, meno della media europea (531 euro), decisamente lontani dal Regno Unito (754 euro). Indietro nell’inserimento lavorativo, poche risorse per la scuola. Il modello italiano rimane assistenzialistico e molte responsabilità sono “scaricate” sulle famiglie.
Ancora più grande è la sproporzione tra le misure erogate sotto forma di prestazioni economiche e quelle sotto forma di beni e servizi. In quest’ultimo caso il valore pro-capite annuo in Italia non raggiunge i 23 euro, cioè meno di un quinto della spesa media europea (125 euro), un importo lontanissimo dai 251 euro della Germania e pari a meno della metà perfino della spesa rilevata in Spagna (55 euro).

Fonte: Censis

Dettaglio
23-10-2012
Statistiche ECM a Cernobbio

I dati illustrati in occasione della IV Conferenza nazionale sulla Formazione continua in medicina in programma a  Cernobbio: hanno messo a confronto il primo semestre 2012 rispetto al primo semestre 2011 mettendo in evidenza che il numero degli eventi sponsorizzati è diminuito del 27% (5.207 contro 7.176).
Il sistema punta sugli incentivi. E a proposito di “coscienza a posto” a tener banco a Cernobbio sono anche i risvolti disciplinari: che si fa con chi non matura i crediti? Il ministro Renato Balduzzi - che l’Ecm l’ha vista (e fatta) “nascere” con la Riforma «Bindi», l’ha ricevuta come ospite in casa Agenas e ora la segue da vicino come presidente della commissione Ecm - punta deciso sulle forme incentivanti più che sulle sanzioni: allo studio - nel confronto con Regioni e sindacati - l’accesso ai concorsi, il passaggio di livello, il premio di produzione legati alla certificazione dei crediti prescritti a partire dal 2013.

Estratto da Il Sole 24 Ore del 16 ottobre 2012

Dettaglio
06-10-2012
Protocolli della tecnica ortopedica: iniziamo a colmare una lacuna

Dopo i riscontri favorevoli di un corso ecm organizzato e svolto presso Duna a Falconara, nel week end scorso, siamo a riproporre un ulteriore corso ecm che si svolgerà direttamente nei luoghi di lavoro dei professionisti tecnici ortopedici, al fine di calare i contenuti teorico-pratici nella realtà produttiva e progettuale tipica di tutta la categoria.
Il corso "Protocollo universale per le metodiche di rilievo dei repere; individuazione e rilievo dei punti di repere e prese misure" si svolgerà infatti presso l'ITOP Officine Ortopediche a Palestrina (Roma) il giorno 6 ottobre p.v. attribuendo 9,4 CREDITI FORMATIVI ai partecipanti, sviluppando, con il contributo di docenti e tutor, proprio in termini di definizione di un protocollo per la tecnica ortopedica, un tema sempre discusso come quello del rilievo dei punti di repere.
Con questo corso si vuole, pertanto, non solo suggerire una metodica ma anche fornire una impostazione che possa generalizzare un approccio agli atti professionali nella direzione della standardizzazione dei processi anche nel campo delle azioni da svolgere sui pazienti e con i pazienti.
Vi aspettiamo numerosi.

Il nuovo CDN ANTOI
 

Dettaglio
01-10-2012
Il master sostituirà alcune lauree triennali

 

Master di primo livello rivisti e corretti per le professioni sanitarie per definire nuovi profili specialistici. Master che dovrebbero avere il 70% dei crediti formativi (oggi il 50%) definito dall'offerta formativa uguale in tutta Italia e il restante 30% basato sulle esigenze del territorio. Ma soprattutto master in grado di differenziare le attività delle professioni sanitarie che, per esigenze di adeguamento alla UE, sono ormai sulla via della riduzione di numero: dalle 22 attuali dovrebbero passare, è questa l'ipotesi della Conferenza dei corsi di laurea delle professioni sanitarie, a 16.

A "saltare" sarebbero le professioni di infermiere pediatrico che diverrebbe master della professione infermieristica, terapista occupazionale e della neuropsicomotricità dell'età evolutiva che sarebbero master di fisioterapia, educatore professionale sarebbe un master dei tecnici di riabilitazione psichiatrica, mentre le professioni di audiometrista e audioprotesiste sarebbero fuse in una unica. In dubbio la professione di assistente sanitario che per ora non ha corrispondenza nella UE "Ne stiamo parlando all'Osservatorio delle professioni sanitarie al Miur ­ spiega il presidente  della conferenza dei corsi di laurea e Rettore della Sapienza di Roma Luigi Frati -  cercando di trovare accordi con Ministero della Salute e Regioni. Alla base esiste già un'ipotesi di riassetto organizzativo che si affiancherebbe a quella di riduzione dei profili da 22 a 16".

Dettaglio
20-09-2012
L’Assemblea ANTOI apre alle rappresentanze imprenditoriali

L’Assemblea ANTOI 2012 si è svolta, come previsto per quest’anno, a Falconara nello scorso week end e, tra le discussioni di rito di fine mandato circa l’attività svolta e l’impostazione dell’attività futura così come sviluppato dal Consiglio Direttivo Nazionale uscente, l’Assemblea ha condiviso un’apertura di grande rilevanza per il settore e cioè la prospettiva di una forte collaborazione con le rappresentanze imprenditoriali dell’ortopedia.
La riflessione è nata dalla constatazione che, sempre di più, l’esercizio degli atti professionali del tecnico ortopedico si compie nelle realtà aziendali private da parte di tecnici ortopedici titolari, soci, collaboratori o dipendenti di tali aziende, non essendo decollata la modalità di apertura di studi professionali ed essendo in contrazione l’occupazione presso Enti Pubblici.
La rappresentanza degli interessi dei Tecnici Ortopedici deve pertanto considerare la realtà dei luoghi in cui questi operano, gli spazi che nelle realtà aziendali si producono e, quindi coniugare gli interessi dei professionisti con quelli delle aziende che li occupano e che permettono l’esercizio dell’attività sia sul paziente che sui dispositivi.

Dettaglio
20-09-2012
ANTOI vuole favorire l'accesso ai neolaureati

Si informano tutti i laureati in tecniche ortopediche che avessero terminato gli studi dopo il 31/12/2010 che potranno iscriversi al corso "Protocollo universale per le metodiche di rilievo dei repere; individuazione e rilievo dei punti di repere e prese misure" al costo degli associati ANTOI e che riceveranno, senza spese ulteriori, la tessera ANTOI 2012; questo per favorire la partecipazione dei nuovi colleghi alla vita associativa consentendo, al contempo, di partecipare agli eventi formativi progettati ed impostati sulla tecnica ortopedica.

Il Consiglio Direttivo Nazionale ANTOI

Dettaglio
20-09-2012
CORSI ECM: Il gradimento maggiore va sempre ai corsi pratici che delineano protocolli della tecnica ortopedica

Anche a Falconara, presso Duna, dove ANTOI ha effettuato l’ultimo corso ecm su scarpe e plantari si è manifestato un forte gradimento dei partecipanti a corsi come questo che presentano in modo pratico ed in ambienti di lavoro tecniche, materiali, dispositivi e lavorazioni, facendo proprie le modalità dei protocolli di lavoro, presentando, cioè, la tecnica ortopedica nella forma di fasi, procedure, indicazioni d’uso e lavorazione, criticità e modalità di esecuzione degli atti professionali della tecnica ortopedica.
Dai partecipanti, grandi suggerimenti a proseguire un’attività ecm con queste caratteristiche ed altrettanti ringraziamenti a Duna per la disponibilità a mettere a disposizione attrezzature, macchinari, materiali e tutor per tutte le lavorazioni coinvolte nella realizzazioni di scarpe e plantari.

Dettaglio
17-09-2012
La professione del tecnico ortopedico sempre più legata all'attività delle imprese ortopediche

Un recentissimo studio del Ministero della Salute, scaricabile dal loro sito web e relativo all’anno 2010, ha nuovamente fotografato, dopo alcuni anni dall’ultima rilevazione, la numerosità del personale sanitario impiegato nelle varie articolazioni del SSN, in base a: età anagrafica e genere, anzianità di servizio, tipo e rapporto di lavoro, aree funzionali, specializzazione medica, categoria e qualifica.
Il personale del Servizio Sanitario Nazionale è costituito dal personale dipendente che opera nelle Aziende Sanitarie Locali (strutture territoriali ed ospedali), nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Ospedaliere Universitarie. Ad esso si aggiunge il personale dipendente dell’Università ma che opera presso le Aziende Sanitarie, il personale delle strutture equiparate al pubblico cioè dei Policlinici universitari privati, degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, degli ospedali classificati, degli istituti qualificati presidi delle USL, degli enti di ricerca. Poiché concorre all’erogazione delle prestazioni sanitarie per conto del Servizio Sanitario Nazionale è stato considerato anche il personale delle case di cura convenzionate rilevato attraverso i flussi informativi correnti.

Dettaglio
07-09-2012
Master di I livello “Management per le funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie”

Per chi fosse interessato, vi informiamo che l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha organizzato un Master di I livello dal titolo “Management per le funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie”.
L'ammissione al master va presentata entro il 7 dicembre 2012 utilizzando la procedura on-line disponibile all'indirizzo internet
www.unicampus.it/professionisanitarie.

 

Dettaglio
04-09-2012
Corsi di Laurea per tecnici ortopedici: concluse le operazioni di ammissione per l’A.A. 2012/2013

Sono oramai giunte a conclusione le procedure per gli esami di ammissione ai corsi di laurea per tecnico ortopedico, presso le Facoltà di medicina e chirurgia; il numero dei posti messi a bando conferma quanto già disposto negli ultimi anni, secondo la ripartizione riportata di seguito.

Dettaglio
30-07-2012
Nuovo corso ECM organizzato da ANTOI

 LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DELLE CALZATURE
E DEI PLANTARI ORTOPEDICI SU MISURA: TRADIZIONE ED INNOVAZIONE

15 settembre 2012 - dalle ore 10.00 alle 17.30
16 settembre 2012 - dalle ore 09.30 alle 16.00

Sede: Duna srl
Via del Consorzio, 29 - Falconara M. (AN)

 Questo corso ecm proposto vuole sottolineare un approccio alle tecnologie innovative, che supportano progettazione tecnica e lavorazione dei dispositivi su misura, che metta i evidenza i requisiti peculiari di tali nuovi processi professionali e tecnici, in rapporto ai requisiti ed alle caratteristiche dei processi tradizionali su cui i tecnici ortopedici hanno tradizionalmente sviluppato i propri percorsi professionali.

Tale approccio, in un continuo confronto tra tradizione ed innovazione, supportato da modalità formative che privilegiano la dimensione della realizzazione pratica dei dispositivi, vedrà un contributo tecnologico di una delle principali aziende del settore, che permetterà un'ampia trattazione pratica, oltreché, teorica dei temi professionali previsti nel corso.

Evento ECM - 12,4 crediti formativi

Dettaglio
30-07-2012
Partecipare per CONOSCERE, DECIDERE E CAMBIARE

Carissimi colleghi tecnici ortopedici,

siamo ad una delle periodiche svolte che si propongono nella vita di un’Associazione con l’elezione dei nuovi Organi direttivi che, auspicabilmente, speriamo partecipata per una continuità nell’azione di rappresentanza di ANTOI e nel rinnovamento dei colleghi che dovranno portare nuova linfa, idee e disponibilità nella conduzione delle azioni di consolidamento della nostra professione.
La partecipazione, la conoscenza e la discussione per le azioni di sostegno degli interessi di tutti, siano essi, imprenditori, dipendenti o liberi professionisti sono essenziali per la vita dell’ANTOI come per qualunque altra associazione e per dare la spinta al rinnovamento ed alla partecipazione abbiamo previsto, per questa tornata di nuove nomine, di presentare a tutti i curriculum di colleghi che si vorranno candidare ai ruoli di rappresentanza e, per questo vi proponiamo una prima candidatura ricevuta che auspichiamo sia la prima di tante nel segno di una rinnovata presenza e partecipazione alla vita associativa.
Congiuntamente alla prossima assemblea elettiva abbiamo organizzato un appuntamento ECM per una due giorni in cui potremo approfondire i temi degli strumenti della politica ma anche quelli dei contenuti professionali; vi aspetto numerosi ad entrambi gli appuntamenti sperando di avere contributi di idee, disponibilità alla partecipazione e tanta forza e sostegno all’associazione, vero strumento per la creazione di un futuro per la nostra amata professione.
Un caro saluto a tutti per questo periodo di ferie estive.

Carlo Ricci
Presidente ANTOI

Dettaglio
29-07-2012
Non saranno diffusi on-line i dati dei tecnici ortopedici associati ad ANTOI

Si fornisce la presente precisazione in relazione ad una recente campagna promossa con lettera aperta ai Tecnici Ortopedici per la costituzione di un elenco disponibile e consultabile da chiunque, via web, di Tecnici Ortopedici a livello nazionale, rassicurando tutti gli associati ANTOI che l’Albo non ha nulla a che fare con tale iniziativa e che ANTOI, così come richiesto dagli iscritti nelle diverse assemblee nazionali della categoria, non diffonderà, a terzi, alcun dato degli iscritti medesimi.

Carlo Ricci
Presidente ANTOI

 

Dettaglio
27-07-2012
I podologi e le ortesi

"Noi tecnici ortopedici non accetteremo le loro prescrizioni"
Questo è il titolo della lettera aperta che il Presidente ANTOI ha inviato al Direttore di "Quotidiano Sanità" per commentare un articolo che riportiamo in allegato e una risposta del Presidente dell'associazione nazionale podologi.

Dettaglio
19-07-2012
Balduzzi: entro estate rimodulazione Lea. Via anche al federalismo fiscale

Entro l'estate il dicastero della Salute presenterà una proposta di rimodulazione dei nuovi Lea. A dirlo il Ministro, Renato Balduzzi (foto), intervenuto davanti alla commissione bicamerale sul Federalismo fiscale. «Quelli che chiamiamo i nuovi Lea non sono mai diventati efficaci né sono più tanto nuovi. Per questo mi riservo di fare una proposta in questa direzione nel corso dell'estate. Tra gli obiettivi quello di rendere più cogenti alcune indicazioni di appropriatezza, come quelle che vengono individuate sulle prestazioni di diagnostica strumentale». Tra le tematiche affrontate da Balduzzi anche i ticket, che dovrebbero partire dal 2014, con la propost a di sostituirli con una franchigia per reddito «più equa e trasparente». Ma in commissione Balduzzi ha anche affrontato il tema del federalismo fiscale, spiegando che la spending review deve intendersi come un provvedimento complementare. «L'insieme delle tecniche inserite nel decreto legge sulla revisione della spesa costituisce un complesso di strumenti forniti alle Regioni per poter affrontare meglio la sfida del federalismo, che è quella di portare in alto la qualità media del sistema agendo sulla responsabilizzazione forte dei territori».

Dettaglio
19-07-2012
Modalità di certificazione del credito verso la pubblica amministrazione e compensazione con i debiti erariali e contributivi

Informiamo che nei giorni scorsi sono stati pubblicati i primi tre decreti previsti nel pacchetto predisposto dal Governo per lo smobilizzo dei crediti delle imprese verso P.A.
Nello specifico i decreti del Ministro dell’Economia si riferiscono alle modalità per:

  1. il rilascio della certificazione del credito relativo alle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato (Decreto 22 maggio 2012 in G.U. n. 143 del 21.6.2012);
  2. il rilascio della certificazione per i crediti verso le Regioni, gli Enti locali e gli Enti del Servizio Sanitario Nazionale (Decreto 25 giugno 2012 in G.U. n. 152 del 2.7.2012);
  3. la compensazione dei crediti certificati delle Regioni, gli Enti locali e Servizio Sanitario con somme dovute a seguito di iscrizione al ruolo (Decreto 25 giugno 2012 in G.U. n. 152 del 2.7.2012).
Dettaglio
16-07-2012
Spending review, gli interventi in sanità non coinvolgono, direttamente, gli ausili per disabili ma tutti i contratti di fornitura dovranno essere gestiti dalle ASL per ottenere, da subito, riduzioni di spesa

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 6 luglio il decreto legge “Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati” (spending review). L'analisi della spesa sanitaria delle diverse Regioni, delle singole Aziende sanitarie locali e ospedaliere ha evidenziato una notevole variabilità dei costi sostenuti per l'acquisto di beni e servizi sanitari, e non sanitari, di farmaci e di dispositivi medici. Ciò ha suggerito l'opportunità di concentrare gli sforzi per una riduzione dei costi sanitari soprattutto nei seguenti capitoli di spesa:
1. condizioni di acquisto e fornitura di beni e servizi;
2. spesa per farmaci;
3. spesa per dispositivi medici;
4. acquisto di prestazioni sanitarie da soggetti privati accreditati.

Il risparmio stimato è di 1 miliardo di euro per il secondo semestre del 2012, 2 miliardi per il 2013 e 2 miliardi per il 2014. Nel decreto è prevista la possibilità di rimodulare entro luglio insieme alle Regioni il tipo di interventi sulla sanità per il 2013 e il 2014, fermo restando il saldo complessivo del risparmio da ricavare, attraverso l’intesa sul Patto per la Salute.

Dettaglio
28-05-2012
Esercizio abusivo della professione: reato anche in caso di attività non riservate

Cassazione penale, SS.UU., sentenza 23.03.2012 n° 11545

Gli atti nonché gli adempimenti delle professioni regolamentate sono riservati a coloro che sono iscritti agli albi; qualsiasi attività tipica e di competenza specifica va a configurare il reato di esercizio abusivo della professione.
Commette, quindi, il reato di esercizio abusivo della professione il soggetto che svolge attività “tipica e di competenza specifica” della professione regolamentata senza però essere iscritto all'Albo professionale
Così i giudici della Cassazione, sezioni unite penali, con la sentenza 23 marzo 2012 n. 11545.
Inoltre la Corte ha risolto un contrasto giurisprudenziale in merito al reato di esercizio abusivo della professione, fornendo una estensiva interpretazione all’articolo 348 del codice di procedura penale.
È stato statuito il principio di diritto secondo cui è configurabile la fattispecie penale in oggetto, non solo per il compimento senza titolo, anche se posto in essere occasionalmente e gratuitamente, di atti da ritenere attribuiti in via esclusiva ad una determinata professione, ma anche per il compimento senza titolo di atti che, pur non attribuiti singolarmente in via esclusiva, siano univocamente individuati come di competenza specifica di una certa professione.

Dettaglio
28-05-2012
Documento professioni sanitarie. Proia: “Aperti a tutte le modifiche migliorative”

Il coordinatore del tavolo Ministero-Regioni per la definizione delle nuove competenze delle professioni sanitarie, risponde alle perplessità avanzate sul lavoro fin qui svolto. “Nessuna nostalgia del mansionario, semmai c’è un’esaltazione delle competenze professionali”.
Pubblichiamo il messaggio inviato da Saverio Proia, coordinatore del tavolo ministero-regioni insediato presso il ministero della Salute per mettere a punto una proposta di ridefinizione delle competenze delle diverse professioni sanitarie e, tra queste anche di quelle del tecnico ortopedico.

Dettaglio
22-05-2012
ANTOI ad Exposanità ancora al centro della discussione sul futuro della categoria

Ad Exposanità, lo spazio ANTOI è risultato, nel corso dei quattro giorni di manifestazione, molto partecipato con dibattiti e discussioni con i tecnici ortopedici presenti sul futuro della categoria; tanti sono i timori e tante le attese da parte dei colleghi affinché si possa trovare anche in una dimensione futura, che si disegna come molto incerta per la categoria, uno spazio di esercizio professionale certo e riconosciuto.
Anche nei corsi ECM , che hanno visto il completo esaurimento dei posti, la discussione ha travalicato i contenuti professionali coinvolgendo i partecipanti ed i relatori anche su aspetti del quotidiano professionale di ognuno in termini di deontologia, di abusivismo, di legittimi ambiti di esercizio degli atti professionali del tecnico ortopedico, rilanciando, spesso, l’adesione ad ANTOI come strumento di rappresentanza per la professione e per la promozione costante della figura professionale

Dettaglio
16-05-2012
Corsi ECM ANTOI a Roma

Facciamo seguito alle richieste di partecipazione ai corsi ECM organizzati in occasione di Exposanità a Bologna, che hanno esaurito i posti messi a disposizione, e vi proponiamo, per soddisfare ulteriori richieste pervenuteci, i medesimi argomenti, sviluppati in un paio di giorni di formazione consecutivi.

Sabato 9 giugno 2012 a Roma
Principi di etica per il futuro della tecnica ortopedica
(ECM n. 4 - Rif. 35061)

Domenica 10 giugno 2012 a Roma
Progettazione di plantari e calzature con tecnologia cad-cam
(ECM n. 5 - Rif. 35066)

Il numero dei crediti Ecm che verranno conferiti con la partecipazione ad ogni singolo corso è pari a 7,1 crediti ciascuno.
Pertanto la partecipazione ad entrambe le giornate permetterà di acquisire quasi la totalità del numero dei crediti minimi previsti per il 2012.

Dettaglio
09-05-2012
Anche il Consiglio Superiore di Sanità con l'ANTOI

I podologi possono fare plantari solo per il piede doloroso e, quindi, per la riduzione di sintomi e non per la riabilitazione del paziente

Con riferimento a richieste di precisazione pervenuteci, siamo a pubblicare il parere ANTOI in riferimento al parere del Consiglio Superiore di Sanità (CSS) espresso nella seduta del 18 ottobre 2011 sul tema dell’esecuzione calchi e fabbricazione plantari, segnalando a tutti i colleghi che ANTOI va prodigandosi affinché quel parere, pur nella sua chiarezza, possa essere ulteriormente precisato per alcuni aspetti che si presentano ancora poco chiari.
La prescrizione di una ortesi, così come precisato dal D.Lgs. 24 febbraio 1997 numero 46 e così come riportato dal citato parere del CSS, deve essere obbligatoriamente redatta da “un medico debitamente qualificato e indicante, sotto la responsabilità del medesimo, le caratteristiche specifiche di progettazione del dispositivo”; tale prescrizione medica è certamente conseguenza di un percorso diagnostico ad esclusivo appannaggio di personale medico.
Nel parere del CSS si ribadisce infatti che: “l’ortesi del piede è fabbricata sulla base della prescrizione di un medico debitamente qualificato” e che il podologo individua e segnala al medico “le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico od un intervento terapeutico” (DM 14 settembre 1994 numero 666).

Dettaglio
02-04-2012
ECM, sanzioni per chi non si aggiorna

Dal 2013 non sarà più possibile iscriversi ad ANTOI se non si assolve l'obbligo ECM annuale

ANTOI era già intervenuta su questo tema, proponendo ai tecnici ortopedici di fornirci indicazioni a proposito di quanto stabilito dalla L.183/2011 che ha anticipato al 13 agosto 2012 quanto già previsto con L. 148/2011 e cioè: “previsione dell’obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione continua permanente predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai consigli nazionali, fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente in materia di educazione continua in medicina (ECM). La violazione dell’obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall’ordinamento professionale che dovrà integrare tale previsione”.
 

Dettaglio
02-04-2012
Inasprimento di sanzioni e carcere per chi esercita abusivamente

E' in vista una stretta sull'esercizio abusivo delle professioni. La commissione Giustizia di Senato ha approvato, dando mandato al relatore di riferire in Aula, il ddl che inasprisce le pene previste per questo reato.
Favorevoli Pdl, Lega Nord, IdV, Udc, contrario il Pd.
In caso di approvazione definitiva, si passerà dall'attuale regime che prevede una sanzione pecuniaria fino a 500 euro o la reclusione di 6 mesi (pene di fatto vanificate dal patteggiamento) al carcere da sei mesi a tre anni, con l'aggiunta obbligatoria di una sanzione economica, che va da mille a 10 mila euro. Inoltre è prevista la confisca dello studio e dei beni strumentali di chi esercita abusivamente una professione.

(I.d.o.)

Articolo da "Affari & Finanza" del 26 marzo 2012

Dettaglio
12-03-2012
Prime indicazioni per la raccolta dei documenti relativi alla formazione individuale ed all'autoformazione ECM

Come già informato, in precedenza, spetterà alle Associazioni professionali raccogliere la documentazione relativa a formazione all’estero, all’autoformazione, al tutoraggio, alla docenza, nonché ai motivi di esonero, secondo quanto previsto dal programma nazionale ECM.
ANTOI raccoglierà la documentazione comprovante l’esercizio delle attività di cui sopra ed invierà il tutto certificando i crediti ecm relativi, fino ai valori massimi riportati, di seguito, in tabella; al momento non abbiamo previsto dei moduli domanda in facsimile cui allegare la documentazione prevista, considerando che gli estremi dell’attività svolta devono, comunque, essere riportati in tale documentazione, relazioni od abstract; se necessario provvederemo a metterli a disposizione se si dovesse rendere necessario.

Dettaglio
12-03-2012
Saggio di interesse legale 2012

Il Decreto Ministero Economia e Finanze del 12/12/2011 ha fissato, per l’anno 2012, il saggio d’interesse legale (art. 1284 cod.civ) al 2.5 %; relativamente all’anno scorso era fissato al 1,5%.
Il Comunicato del Ministero Economia e Finanze del 27/1/2012 ha fissato, per il periodo 1/1–30/6/2012, il saggio d’interesse legale da applicare a favore del creditore nei casi di ritardo pagamento nelle transazioni commerciali (art. 5, comma 2 D.Lgs. n. 132/2002) all’1%.

Dettaglio
05-03-2012
Errani, via al confronto con il Governo su Lea

Una scelta di equilibrio e di responsabilità, nonostante le condizioni difficili e in un quadro di risorse limitate. Così il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, ha commentato l'intesa raggiunta a fine febbraio sul riparto delle risorse destinate al servizio sanitario per il 2012. «A causa della programmazione finanziaria del precedente Governo» ha spiegato Errani «ci siamo trovati di fronte a un incremento del fabbisogno rispetto al 2011 dell'1,65%, ben al di sotto del tasso di inflazione e lontanissimo dal tendenziale della spesa sanitaria». Adesso, prosegue Errani, «ci attende un lavoro importante, relativo al Patto per la salute 2013-2015, che vogliamo basare su un confronto costruttivo con il Governo in modo che abbia tre macro-obiettivi: la sostenibilità finanziaria del servizio sanitario, la garanzia dei livelli essenziali di assistenza su tutto il territorio, il rilancio degli investimenti in sanità per l'ammodernamento delle strutture e servizi migliori per i cittadini».

Dettaglio
28-02-2012
ANTOI è entrata a far parte dell'Osservatorio regionale sulla qualità della formazione della Regione Molise

Salvatore Guinand, consigliere nazionale ANTOI, nonchè past-president, è stato nominato quale rappresentante della professione in seno all'Osservatorio regionale sulla qualità della formazione, istituito con apposito atto della Regione Molise, così come pubblicato sul BUR Molise del 16 gennaio 2012.

Dettaglio
28-02-2012
Colpo di spugna sul Dps privacy

Colpo di spugna sul Dps privacy. Ma non sulle altre misure di sicurezza (dalle password al back up). Ma da subito è prevedibile uno stop ai consulenti, ai quali in questi anni è stato commissionata la stesura del Dps. Questo l'effetto dell'abrogazione dell'obbligo di stesura del documento programmatico sulla sicurezza, disposta dal decreto semplificazioni, che comporta anche l'abolizione del reato di cui all'articolo 169 del codice della privacy e anche le sanzioni amministrative previste dall'art. 162, comma 2-bis, naturalmente nella parte che riguarda il documento stesso.

Dettaglio
10-02-2012
AL VIA LA CAMPAGNA TESSERAMENTO 2012

Da oggi l’avvio della campagna tesseramento 2012 che ANTOI rivolge a tutti i tecnici ortopedici; lo slogan vuole sottolineare il momento difficile che sta attraversando la nostra professione.
"QUANDO IL GIOCO SI FA DURO CI VUOLE COESIONE E PARTECIPAZIONE DI TUTTA LA CATEGORIA"
ANTOI è sempre più impegnata sul fronte della difesa degli spazi professionali del Tecnico Ortopedico e per sostenere tale attività in favore di tutta la categoria è necessario anche il vostro contributo: vi attendiamo al rinnovo del tesseramento sempre più numerosi; quando il gioco si fa duro la partecipazione e coesione deve esprimere la massima compattezza della categoria.

Per iscriverti o rinnovare l'iscrizione clicca qui.

Dettaglio
07-02-2012
Ordini ed Albi: ancora black-out

In stand-by il provvedimento che stabilisce l'introduzione degli ordini e degli albi delle professioni infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e, tra queste, l'Albo per i tecnici ortopedici.
In un'intervista rilasciata a Panorama della Sanità, la Senatrice e relatrice del Disegno di Legge, Laura Bianconi, dichiara: "Con il Presidente Monti, riprenderemo il bandolo della matassa".

Dettaglio
26-01-2012
La pubblica amministrazione non puo' più richiedere ad imprese e cittadini certificazione di dati che puo' trovare presso la P.A. medesima

Si è avviato il percorso di completa decertificazione nei rapporti tra P.A. e privati.
In data 22 dicembre 2011, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione ha infatti emanato una direttiva, che attua le disposizioni previste dalla Legge di stabilità 2012, circa l’acquisizione diretta dei dati e dei documenti da parte delle pubbliche amministrazioni.
A partire dal 1° gennaio 2012 saranno possibili due modalità alternative:
1. la presentazione dell’autocertificazione da parte dell’utente;
2. l’amministrazione acquisirà direttamente i dati presso gli altri uffici.
La direttiva ha posto infatti il divieto – con conseguente applicazione delle sanzioni previste dalla legge per i casi di violazione dei doveri di ufficio - di richiedere ai cittadini o alle imprese documenti attestanti stati, qualità personali o fatti che siano già in possesso dell’amministrazione stessa.
Tali disposizioni non si applicano invece ai rapporti tra privati.

Dettaglio
RICERCA NEWS PER ANNO